Michelangelo in una nuova luce


Gli affreschi e le opere d'arte di fama mondiale nella Cappella Sistina, ora appaiono in tutto il loro splendore - grazie a un capolavoro a LED di OSRAM.

©Copyright – Governatorato S.C.V. – Direzione dei Musei

Cappella Sistina

©Copyright – Governatorato dello Stato della Città del Vaticano – Direzione dei Musei

La celeberrima Cappella Sistina contiene alcuni tra i dipinti più importanti mai realizzati. Da oggi, questo luogo di grande rilevanza spirituale e culturale, che da secoli è sede del conclave e ogni giorno incanta migliaia di visitatori con gli affreschi di Michelangelo, brillerà di una nuova luce grazie all’illuminazione LED di OSRAM.

Dal 2014 gli apparecchi LED di OSRAM hanno permesso a 4,5 milioni di visitatori di ammirare il capolavoro di Michelangelo in tutta la sua magnificenza. La nuova installazione è incentrata sull’illuminazione uniforme, sulla visibilità ottimale, sulla conservazione e sulla protezione dei colori.

7.000 LED OSRAM illuminano la Cappella Sistina

Nel 2014 OSRAM ha realizzato una soluzione di illuminazione per la Cappella Sistina all’avanguardia in termini di efficienza energetica e di qualità della luce. La necessità di un’illuminazione completamente priva di abbagliamento, che fosse conforme a rigorose specifiche conservative, e l’importanza storico-artistica della Cappella Sistina hanno richiesto una soluzione individuale di altissima qualità.

Tour a 360° della Cappella Sistina

L’installazione, particolarmente rispettosa delle opere d’arte, offre un illuminamento compreso tra 50 e 100 lux, molto più elevato rispetto ai 10-15 lux dell’impianto precedente, per garantire la visibilità ottimale delle opere d’arte senza accelerarne l’invecchiamento. La straordinaria varietà dei colori e gli effetti tridimensionali degli affreschi di Michelangelo sono finalmente visibili in tutto il loro splendore; la nuova soluzione di illuminazione, inoltre, consuma fino al 90% di energia in meno rispetto al sistema precedente.

Confronto degli affreschi di Michelangelo prima e dopo

Sistine Chapel ©Copyright – Governatorato dello Stato della Città del Vaticano – Direzione dei Musei

Con l’illuminazione OSRAM

©Copyright – Governatorato dello Stato della Città del Vaticano – Direzione dei Musei

Con l’illuminazione OSRAM (clicca sul pulsante arancione per vedere com’era prima)

Sistine Chapel ©Copyright – Governatorato dello Stato della Città del Vaticano – Direzione dei Musei

Senza l’illuminazione OSRAM

©Copyright – Governatorato dello Stato della Città del Vaticano – Direzione dei Musei

Senza l’illuminazione OSRAM

Sistine Chapel ©Copyright – Governatorato dello Stato della Città del Vaticano – Direzione dei Musei

Con l’illuminazione OSRAM

©Copyright – Governatorato dello Stato della Città del Vaticano – Direzione dei Musei

Con l’illuminazione OSRAM (clicca sul pulsante arancione per vedere com’era prima)

Sistine Chapel ©Copyright – Governatorato dello Stato della Città del Vaticano – Direzione dei Musei

Senza l’illuminazione OSRAM

©Copyright – Governatorato dello Stato della Città del Vaticano – Direzione dei Musei

Senza l’illuminazione OSRAM

I celeberrimi affreschi nello splendore della luce LED

Per illuminare la Cappella Sistina di nuova luce, il team internazionale di OSRAM ha lavorato al nuovo sistema per più di tre anni, occupandosi dell’attrezzatura tecnica e del coordinamento del progetto che, oltre al Vaticano, ha coinvolto altre due aziende e un’università.

OSRAM ha gestito il progetto e coordinato i partner internazionali. I ricercatori, i tecnici e i lighting designer del consorzio hanno ottenuto risultati straordinari. L’elenco dei requisiti da rispettare era lungo: occorreva migliorare significativamente l’intensità luminosa e la riproduzione dei colori, riducendo il consumo energetico almeno del 60%. L’illuminazione doveva essere completamente dimmerabile, e la distribuzione spettrale adattabile ai pigmenti degli affreschi di Michelangelo, per ottenere la tonalità di luce migliore. “Con il progetto, inoltre, abbiamo voluto dimostrare una cosa importante, ovvero che, tra tutte le sorgenti luminose, i LED sono quelle che non danneggiano le opere d’arte rinascimentali”, ricorda il project manager.

Il team di OSRAM ha lavorato in condizioni insolite, principalmente nelle ore serali e notturne, quando la Cappella Sistina era chiusa al pubblico. Per evitare danni, non sono stati praticati fori nelle pareti; gli apparecchi sono stati fissati a speciali supporti in carbonio incollati alla balaustra e nascosti dietro il cornicione, con una tecnica unica e innovativa.

Il sistema, ottimizzato sia per quanto riguarda la distribuzione della luce, in armonia con l'architettura, sia in termini di distribuzione spettrale dei pigmenti, presenta 40 apparecchi LED ad alte prestazioni ed elevata efficienza energetica, che garantiscono l’illuminazione indiretta e uniforme della volta e delle pareti della Cappella Sistina. All’occorrenza, dieci proiettori LED illuminano il pavimento e l’altare, ad esempio durante il conclave.

Guarda il video sul progetto

Un capolavoro tecnologico che illumina affreschi straordinari con una nuova soluzione LED

L’orientamento della luce, estremamente preciso, garantisce l’illuminazione uniforme delle opere d’arte senza abbagliare i visitatori. Gli apparecchi sono stati installati sotto le finestre, in modo tale da non essere visti e da garantire l’emissione della luce nella stessa direzione della luce diurna. Fino ad oggi le opere d’arte erano visibili solo parzialmente, a seconda della quantità di luce diurna presente e nei limiti tecnologici e conservativi.

Contatti per il progetto "Cappella Sistina"