Il prototipo LED Eviyos rivoluziona i proiettori intelligenti

Il LED ibrido permette di realizzare fari intelligenti automotive con oltre 1000 pixel controllabili individualmente

12.09.2017

Il prototipo Eviyos sviluppato da OSRAM Opto Semiconductors è il primo LED ibrido al mondo, e rappresenta una tappa decisiva verso la commercializzazione dei LED intelligenti ad alta risoluzione. Quando il sistema rileva un veicolo sulla carreggiata opposta, alcuni pixel si spengono automaticamente, per evitare di abbagliare il veicolo in arrivo. Il prototipo, integrato in un dimostratore predisposto da OSRAM Specialty Lighting, è stato presentato in anteprima all’ISAL di Darmstadt, dal 25 al 27 settembre.

Eviyos si basa sul progetto di ricerca µAFS: terminato nell’autunno del 2016, ha coinvolto diversi partner del settore industriale, ed è stato coordinato da OSRAM Opto Semiconductors. Il prototipo associa due tecnologie in un unico componente: un chip ad emissione luminosa e l’elettronica per il controllo individuale dei pixel. Ciò significa che i 1024 pixel di Eviyos e il driver sono contenuti in una superficie di circa 4 mm x 4 mm. La sorgente luminosa genera un flusso minimo di 3 lm a 11 mA per pixel, ma i primi prototipi hanno già emesso più di 4,6 lm per pixel. Inoltre, la nuova tecnologia permette di modificare il numero di LED ibridi e di integrarli con LED tradizionali, a seconda dei requisiti dell’applicazione.

“Il LED ibrido è l’ennesima dimostrazione del contributo sostanziale offerto dai nostri prodotti al miglioramento della qualità della vita in svariati settori. Eviyos incrementa la sicurezza stradale, rendendo la guida più confortevole. Siamo orgogliosi di poter presentare il primo prototipo subito dopo la conclusione del progetto di ricerca. È un ulteriore passo avanti verso la produzione in serie”, afferma Thomas Christl, Marketing Manager di OSRAM Opto Semiconductors.

Eviyos, compatto e potente, vanta anche un’elevata efficienza energetica grazie alla precisione del controllo e della dimmerazione dei singoli pixel. I soli pixel a rimanere accesi, infatti, sono quelli che servono.

All’inizio del 2020, in occasione del lancio di Eviyos, questi prodotti faranno parte di una famiglia a sé stante, destinata a soddisfare un’ampia gamma di applicazioni. I proiettori intelligenti, infatti, sono solo uno dei possibili settori di impiego del controllo selettivo dei pixel.

Ufficio Stampa

Sara Cappellari
s.cappellari@osram.com
+39 02 4249385

A PROPOSITO DI OSRAM

OSRAM, la cui sede è a Monaco (Germania), un’azienda leader mondiale nel settore dell’illuminazione, con una storia di oltre 100 anni. Il suo portfolio comprende le applicazioni ad elevato contenuto tecnologico basate sui semiconduttori, come ad esempio l’illuminazione a infrarossi o laser. I prodotti sono utilizzati in molteplici applicazioni, dalla realtà virtuale alla guida autonoma, dai telefoni cellulari alle soluzioni di illuminazione connesse per edifici e città. Nel settore automotive, l'azienda è leader globale tecnologico del mercato. Considerando le attività operative (ad esclusione di Ledvance), OSRAM conta circa 24.600 dipendenti in tutto il mondo con un fatturato di quasi 3,8 miliardi di euro (dati al 30 settembre 2016). La società è quotata alla Borsa di Francoforte e Monaco (ISIN: DE000LED4000; WKN: LED400; codice: OSR). Ulteriori informazioni si possono trovare all’indirizzo www.osram.it
OSRAM in Italia è oggi una realtà commerciale e industriale con sede a Milano e con un sito produttivo e un centro di R&S a Treviso. L’attenzione all’ambiente di OSRAM si concretizza non solo nella produzione di prodotti e processi di produzione ecocompatibili. La nostra responsabilità sociale va oltre e ci trova impegnati in progetti culturali quali l’illuminazione della Cappella Sistina, Piazza San Pietro, Piazza dei Miracoli a Pisa, la Basilica del Santo, la Cappella degli Scrovegni di Giotto a Padova e la Cappella Teodolinda del Duomo di Monza, i teleri del Tintoretto nella Sala Terrena della Scuola Grande di San Rocco a Venezia, oltre a 14 basiliche milanesi.