Osram e Continental

Osram e Continental pianificano una joint venture per realizzare soluzioni di illuminazione connesse nel settore automotive

08.11.2017

  • La joint venture Osram Continental GmbH unirà l'esperienza di Osram e Continental nell'illuminazione e nel controllo delle luci
  • I partner della joint venture avranno ciascuno una partecipazione del 50%
  • Obiettivo di vendita nell’ordine di diverse centinaia di milioni di euro con circa 1.500 dipendenti
  • L’avvio della joint è previsto nel 2018

Oggi le aziende Osram e Continental hanno annunciato l'intenzione di creare una joint venture. Tecnologie innovative applicate all’illuminazione con software ed elettronica allo scopo di sviluppare, produrre e commercializzare soluzioni di illuminazione intelligenti per il settore automotive. La joint venture mondiale opererà con il nome Osram Continental GmbH e avrà la propria sede legale nell'area di Monaco.Osram e Continental avranno ciascuna una partecipazione alla joint venture pari al 50%. Si prevede un obiettivo di vendita annuale nell’ordine di diverse centinaia di milioni di euro con un team di circa 1.500 dipendenti e 17 sedi in tutto il mondo. Dirk Linzmeier (CEO) di Osram e Harald Renner (CFO) di Continental sono stati nominati amministratori delegati designati. Il lancio della joint venture è previsto nel 2018 dopo l'accordo finale sui contratti vincolanti e l'approvazione da parte delle autorità antitrust.

Osram trasferirà alla joint venture la propria unità operativa Solid State Lighting (SSL) per il settore automotive. Continental ingloberà il proprio comparto dei comandi-luce dalla divisione Body & Security. Ciò consentirà a Osram Continental di unire moduli di illuminazione basati su semiconduttori, elettronica avanzata, ottica ed esperienza nel software con accesso alla tecnologia a sensori e a sorgenti luminose innovative. Osram Continental sarà dunque in grado di offrire un'ampia gamma di innovative soluzioni di illuminazione end-to-end, progettate appositamente per applicazioni per fari anteriori e posteriori. Lo scopo è quello di portare più rapidamente sul mercato offerte e soluzioni ottimizzate e innovative grazie ad uno sviluppo congiunto. La joint venture opererà sul mercato come società indipendente.

“La joint venture è un segno che Osram sta concentrando il proprio impegno per la digitalizzazione. L'esperienza di Continental nel software e nell'elettronica rappresenta il completamento ideale per la nostra leadership tecnologica nell'illuminazione automotive. Darà vita a un'azienda orientata al futuro dell'illuminazione digitale automotive,” ha affermato Stefan Kampmann, CTO di Osram Licht AG.

“Il ritmo dell'innovazione nel segmento dell'illuminazione per il settore automotive è rapido e il software supporta questa dinamica,” ha spiegato Helmut Matschi, membro dell'Executive Board Continental. “Mentre la tradizionale esperienza nell'illuminazione resta fondamentale per i nostri clienti, l'aggiunta dell'elettronica alle nuove funzioni di illuminazione assume un'importanza crescente. La joint venture unirà sistematicamente questi due ambiti portandoli a un nuovo livello.”

Il mercato dell'illuminazione per il settore automotive è al centro del cambiamento tecnologico. Analogamente alla situazione dell'illuminazione in generale, questo mercato si sta orientando a soluzioni di illuminazione basate su semiconduttori. Grazie a funzioni di illuminazione sempre più connesse sui veicoli e alle nuove opzioni di progettazione e applicazione basate sull'illuminazione, la tecnologia a semiconduttori, il software e l'elettronica stanno acquisendo sempre più importanza. Ogni anno il mercato delle soluzioni di illuminazione frontale basata su semiconduttori vanta un tasso di crescita a due cifre. Gli studi di mercato evidenziano che entro il 2025 oltre la metà delle nuove auto in tutto il mondo potrà essere dotata di soluzioni di illuminazione basate su semiconduttori.

“Le soluzioni di illuminazione connesse consentono ai produttori di veicoli un maggiore grado di flessibilità di progettazione permettendo di ottimizzare i costi di sviluppo,” ha commentato Andreas Wolf, capo dell'unità operativa Body & Security di Continental. “La presenza globale della joint venture Osram Continental ci permette di instaurare una stretta collaborazione con i nostri clienti al fine di sviluppare soluzioni su misura per le loro esigenze. Nel caso di Continental e Osram, abbiamo due aziende tecnologiche che uniscono la loro esperienza complementare nel contesto di una joint venture allo scopo di offrire ai clienti una gamma di soluzioni unica,” ha aggiunto Wolf.

“La digitalizzazione sta diffondendo nuove potenziali applicazioni nell'illuminazione per automotive da cui derivano enormi opportunità che vogliamo cogliere insieme a Continental. Grazie alla nostra offerta combinata di soluzioni di illuminazione ed elettronica saremo in grado di proporre ai clienti del settore automotive prodotti all'avanguardia da un unico fornitore,” spiega Hans-Joachim Schwabe, CEO dell'unità operativa Specialty Lighting di Osram.

“Unendo le forze saremo inoltre in una posizione migliore per incentivare le innovazioni lavorando a stretto contatto con il settore automotive per una perfetta integrazione di illuminazione, tecnologia a sensori ed elettronica. Questo ci consentirà di sviluppare nuove funzioni di illuminazione connesse come, ad esempio, la comunicazione di illuminazione e tecnologia a sensori in un modulo o la comunicazione basata sulle luci tra conducente, altri utenti della strada e l'area attorno al veicolo,” ha aggiunto Schwabe.

Ufficio Stampa:

Sara Cappellari
s.cappellari@osram.com
+39 02 4249385

A PROPOSITO DI OSRAM
OSRAM, la cui sede è a Monaco (Germania), un’azienda leader mondiale nel settore dell’illuminazione, con una storia di oltre 100 anni. Il suo portfolio comprende le applicazioni ad elevato contenuto tecnologico basate sui semiconduttori, come ad esempio l’illuminazione a infrarossi o laser. I prodotti sono utilizzati in molteplici applicazioni, dalla realtà virtuale alla guida autonoma, dai telefoni cellulari alle soluzioni di illuminazione connesse per edifici e città. Nel settore automotive, l'azienda è leader globale tecnologico del mercato. Considerando le attività operative (ad esclusione di Ledvance), OSRAM conta circa 24.600 dipendenti in tutto il mondo con un fatturato di quasi 3,8 miliardi di euro (dati al 30 settembre 2016). La società è quotata alla Borsa di Francoforte e Monaco (ISIN: DE000LED4000; WKN: LED400; codice: OSR). Ulteriori informazioni si possono trovare all’indirizzo www.osram.it
OSRAM in Italia è oggi una realtà commerciale e industriale con sede a Milano e con un sito produttivo e un centro di R&S a Treviso. L’attenzione all’ambiente di OSRAM si concretizza non solo nella produzione di prodotti e processi di produzione ecocompatibili. La nostra responsabilità sociale va oltre e ci trova impegnati in progetti culturali quali l’illuminazione della Cappella Sistina, Piazza San Pietro, Piazza dei Miracoli a Pisa, la Basilica del Santo, la Cappella degli Scrovegni di Giotto a Padova e la Cappella Teodolinda del Duomo di Monza, i teleri del Tintoretto nella Sala Terrena della Scuola Grande di San Rocco a Venezia, oltre a 14 basiliche milanesi.

A PROPOSITO DI CONTINENTAL
Continental sviluppa soluzioni d'avanguardia e servizi per la mobilità sostenibile e connessa di persone e merci. Fondata nel 1871, l'azienda tecnologica offre soluzioni sicure, efficienti, intelligenti e accessibili per veicoli, macchinari, traffico e trasporto. Nel 2016, ha generato vendite per 40,5 miliardi di euro e attualmente occupa oltre 230.000 dipendenti in 56 Paesi. La gestione delle informazioni all'interno e all'esterno del veicolo rappresenta il cuore della divisione Interior. Il portfolio di prodotti per diverse tipologie di veicoli comprende: gruppi di strumenti, display multifunzionali e a sovraimpressione, unità di controllo, sistema di controllo degli accessi e informazione sui pneumatici, radio, sistemi di intrattenimento-informativi, sistemi di input, pannelli di controllo, unità di controllo del clima, software, abitacoli oltre a servizi e soluzioni telematiche e Intelligent Transportation Systems. La divisione Interior occupa oltre 43.000 dipendenti in tutto il mondo e nel 2016 ha generato vendite per 8,3 miliardi di euro.

Disclaimer
This document contains statements and information pertaining to our future business and financial performance and future developments that may constitute forward-looking statements – i.e. statements about processes that take place in the future, not in the past. These statements pertaining to the future can be identified by expressions such as "anticipate", "expect", "want", "intend", "plan", "believe", "aspire", "estimate", "will”, "predict" or words of similar meaning. Such statements are based on current expectations and certain assumptions of OSRAM’s management. They are, therefore, subject to certain risks and uncertainties. A variety of factors, many of which are beyond OSRAM’s control, affect OSRAM’s operations, performance, business strategy and results and could cause the actual results, performance or achievements of OSRAM to be materially different from any future results, performance or achievements that may be expressed or implied by such forward-looking statements or anticipated on the basis of historic trends. These factors include in particular, but are not limited to, the matters described in the chapter “Report on Risks and Opportunities” in the Annual Report of OSRAM Licht Group. Should one or more of these risks or uncertainties materialize, or should underlying assumptions prove incorrect, actual results, performance or achievements of OSRAM may vary materially from those described in the relevant forward-looking statement as being expected, anticipated, intended, planned, believed, sought, estimated or projected. OSRAM neither intends, nor assumes any obligation, to update or revise these forward-looking statements in light of developments which differ from those anticipated. Due to rounding, numbers presented throughout this and other documents may not add up precisely to the totals provided and percentages may not precisely reflect the absolute figures they reference.