Synios P2720

Nuovo LED OSRAM a infrarossi per il riconoscimento facciale 2D

Grazie a una lunghezza d’onda di 940 nm, Synios P2720 riduce il bagliore rosso

15.03.2018

Smartphone, tablet e altri dispositivi portatili possono essere sbloccati in modi molto diversi: tramite password, scansione delle impronte digitali e persino attraverso la scansione dell’iride. Un altro sistema utilizzabile è il riconoscimento facciale 2D: una sorgente luminosa a infrarossi illumina il volto dell’utente, e una telecamera IR ne acquisisce l’immagine, che viene confrontata con le immagini precedentemente salvate ai fini dell’identificazione, utilizzando le caratteristiche bidimensionali. Se dati quali la larghezza della bocca, la lunghezza del dorso nasale e la distanza tra gli occhi corrispondono, il dispositivo si sblocca.

Utilizzando una lunghezza d’onda di 940 nm, Synios P2720 riduce il bagliore rosso visibile. Fino a poco tempo fa, la sensibilità delle telecamere IR era buona solo se la sorgente luminosa aveva una lunghezza d’onda di 850 nm. Ora, invece, grazie a interventi volti ad aumentare la sensibilità delle telecamere, è possibile utilizzare sorgenti luminose da 940 nm, con un miglioramento delle prestazioni complessive del sistema.

Per i sistemi di riconoscimento facciale e tracciamento oculare è fondamentale un’illuminazione intensa e uniforme del volto e degli occhi dell’utente. Il LED Synios P2720 offre prestazioni straordinarie, con un output di 1150 mW a 1 A e un’intensità radiante di 360 mW/sr. Il nuovo Synios P2720 ha lo stesso package della versione da 850 nm. Misurando solo 2,0 mm x 2,75 mm x 0,6 mm, l’IRED è l’ideale per le applicazioni caratterizzate da spazi ridotti.

L’IRED non ha ottiche primarie. Grazie alle dimensioni compatte, è possibile installare ottiche secondarie adatte alle proprie esigenze. “Gli utenti vogliono essere certi che i dati contenuti nei loro dispositivi portatili siano al sicuro”, osserva Nina Reiser, Marketing Manager del segmento Emitter Laser Sensor di OSRAM Opto Semiconductors. “I nostri IRED, estremamente potenti e luminosi, illuminano le caratteristiche facciali alla perfezione, garantendo l’accesso al dispositivo solo da parte degli utenti autorizzati.” L’IRED per il riconoscimento facciale 2D è l’ultima novità nel portfolio di prodotti OSRAM Opto Semiconductors dedicati alla biometria. Il LED Synios P2720 è già disponibile per nuovi progetti.

Ufficio stampa:

Sara Cappellari
s.cappellari@osram.com
0039 024249385

A proposito di OSRAM:

OSRAM, la cui sede è a Monaco (Germania), è un’azienda globale high-tech con una storia di oltre 110 anni. I nostri prodotti, principalmente focalizzati sulle tecnologie a semiconduttori, sono utilizzati in svariate applicazioni che spaziano dalla realtà virtuale alla guida autonoma, dagli smartphone alle soluzioni di illuminazione connesse per la gestione degli edifici e delle smart cities. OSRAM propone le infinite possibilità della luce nel miglioramento della qualità della vita per ogni individuo e per la società. Le innovazioni di OSRAM permettono a tutte le persone nel mondo, non solo di vedere meglio, ma anche di comunicare, viaggiare, lavorare e vivere meglio. OSRAM conta circa 24.600 dipendenti in tutto il mondo con un fatturato di quasi 4,1 miliardi di euro (dati al 30 settembre 2017). La società è quotata alla Borsa di Francoforte e Monaco (ISIN: DE000LED4000; WKN: LED400; codice: OSR). Ulteriori informazioni si possono trovare all’indirizzo www.osram.it

OSRAM in Italia è oggi una realtà commerciale e industriale con sede a Milano e con un sito produttivo e un centro di R&S a Treviso. L’attenzione all’ambiente di OSRAM si concretizza non solo nella produzione di prodotti e processi di produzione ecocompatibili. La nostra responsabilità sociale va oltre e ci trova impegnati in progetti culturali quali l’illuminazione della Cappella Sistina, Piazza San Pietro, le Stanze di Raffaello nei musei Vaticani, Piazza dei Miracoli a Pisa, la Basilica del Santo, la Cappella Teodolinda del Duomo di Monza, i teleri del Tintoretto nella Sala Terrena della Scuola Grande di San Rocco a Venezia, oltre a 14 basiliche milanesi.